La serata del 20 febbraio al Dal Verme di Milano ha dato il via alla campagna per il Manifesto.

“La musica contro il lavoro minorile”. Tanti gli artisti e le autorità.

Ora si comincia!

 

Vuoi saperne di più?

 

musica-contro-lavoro-minorile-20-febbraio-2017

Gran finale! Jane Colombini, funzionario ILO, ringrazia tutti i presenti.

 

Una sala piena, quella del Teatro Dal Verme di Milano, e un palco sul quale hanno sfilato cantanti, musicisti e artisti uniti da un messaggio così semplice e così complesso: i bambini non devono lavorare. I bambini hanno il diritto di crescere giocando, studiando, imparando a conoscere il mondo con curiosità e apertura. Il loro sfruttamento a fini di lucro è una vergogna per l’umanità intera. Tutti d’accordo, ma anche tutti indifferenti, questa è la realtà in cui viviamo.

musica-contro-lavoro-minorile-patrocini-sponsor

 

Così Forte? Fortissimo! ha deciso di prendere in mano l’eredità del grande Claudio Abbado e dirilanciare il suo Manifesto “La musica contro il lavoro minorile”. E i grandi hanno risposto: il direttore d’orchestra Aldo Ceccato, Enzo Iacchetti, Francesco Tricarico, Paolo Fresu e Gabriele Comeglio, il mandolinista Avi Avital, il compositore Paolo Marzocchi e Michelangelo Pistoletto. Erano tutti presenti l’altra sera al Dal Verme, chi di persona chi con un video dedicato al progetto ideato dall’associazione Forte? Fortissimo!, grazie al sostegno dell’ILO, l’Organizzazione Internazionale del Lavoro, che da anni si batte per questo problema e che ci ha aiutato a metterlo a fuoco nel modo giusto; grazie alla Fondazione Cariplo, con cui speriamo di poter collaborare ancora in futuro e sempre di più per questo progetto; grazie al Comune di Milano, che vorremmo fosse la città da cui questa campagna parte per poi diffondersi in tutto il mondo. E grazie anche al Cidim – Comitato Nazionale Italiano Musica, che ha subito aderito alla campagna, un partner importantissimo per noi.

 

musica-contro-lavoro-minorile-artisti-spilla

Aldo Ceccato, riceve la prima spilla da Alessandro Marangoni. Interviene e canta anche Francesco Tricarico.

 

Lunedì sera è stata una serata speciale. Abbiamo ascoltato la musica del quintetto di archi K515 di Mozart con il Quintetto “La nuova speranza”; (Carlo De Martini, Kerem e Feyzi Brera, Mattia Mugnai, Gianluca Stupia), la splendida Benedetta Giolo, allieva del Conservatorio di Como, al violoncello, in una solo performance che ha aperto la serata con Bach; Alessandro Marangoni con Children’s Corner di Debussy, il rap dei ragazzi della Scuola Media “Rinascita” di Milano; e Francesco Tricarico, in una versione arrangiata per pianoforte e archi della sua canzone Musica, in cui un verso recita proprio così: «La verità è che la musica mi ha salvato, quand’ero piccolo la musica mi ha salvato». Un amico, oltre che un artista di grande raffinatezza e umorismo.

 

musica-contro-lavoro-minorile-nuovasperanza-giolo-scuola-rinascita

Quintetto “La Nuova Speranza”, Benedetta Giolo al violoncello e la Scuola Rinascita

 

Sul palco si sono alternati discorsi e musica, con la conduzione di Andrea Filisetti: le parole di Jane Colombini (che è la responsabile dell’informazione sulla campagna mondiale ILO contro lo sfruttamento del lavoro minorile) e di Maria Gabriella Lay ci hanno portato il sostegno della più grande organizzazione mondiale che si occupa di questo tema. Ma altrettanto importanti sono state le parole dei musicisti presenti, primo fra tutti di Aldo Ceccato, dei presidenti dei Club Rotary Milano Porta Venezia e Milano Porta Nuova, Morris Ghezzi e Mary Athzman, che hanno voluto sostenere questo primo passo del progetto.

 

musica-contro-lavoro-minorile-ilo-rotary-spilla

Andrea Filisetti, Jane Colombini, Maria Gabriella Lay, Stefano Sgarella, insieme ai presidenti del Rotary Club Milano Porta Venezia e Milano Porta Nuova.

 

Ad ognuno di loro è stata donata la spilletta che Forte? Fortissimo! ha disegnato come simbolo di questa campagna di sensibilizzazione (la numero 1 è andata ad Aldo Ceccato, come ideale prosecuzione del messaggio di Claudio Abbado). Vorremo spedirne 1.000 di spillette, ad altrettanti artisti di tutto il mondo, con una lettera che chieda loro di indossarla sempre e di farsi ambasciatori del messaggio del Manifesto “La musica contro il lavoro minorile”. Noi andremo a filmarli e li intervisteremo e diffonderemo il loro messaggio. Sempre di più. E poi?

 

musica-contro-lavoro-minorile-sold-out

Jane Colombini, Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO)

 

E poi, se la comunità di chi si interessa a questo problema crescerà, avvieremo una, due dieci campagne di raccolta fondi con concerti, spettacoli, crowdfunding, con lo scopo di ristrutturare o addirittura costruire scuole di musica nei luoghi più disagiati della Terra. Non solo per dare la possibilità a quei bambini di studiare e forse imparare un lavoro, togliendoli dalle fabbriche clandestine e dai campi, ma anche per accrescere la cultura, il senso estetico e la sensibilità verso il bello e il buono in tutto il mondo.

 

È un progetto ambizioso, lo sappiamo, ma non possiamo non provarci.

 

FFF_logo_vettoriale_151230
Vuoi saperne di più?

Il primo passo, di un grande progetto – 20 febbraio 2017

| Musica per i Diritti, News |

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>