La Musica Forte a Berlino con Avi Avital

Avi Avital parla di musica nella sua città e davanti al muro di Berlino. Qui moltissimi giovani vanno ai concerti e c’è una grande apertura mentale. La musica non appartiene ad una elite ma è di tutti: rompe i muri e le barriere dei popoli, dobbiamo saperla comunicare a tutti nel modo giusto!

In una bellissima giornata di sole Avi ci ha detto:

[AVI] C’è una differenza tra l’arte e l’intrattenimento. L’arte può essere anche molto divertente ma ti da qualcosa di più: una componente spirituale.
Siamo a Berlino: questa davvero è la capitale della cultura e della musica oggi in Europa. Penso che Berlino sta avendo questa fase magnifica, ormai tutti ne parlano. C’è tanto spazio per l’arte in generale e per artisti che vengono e vogliono creare. Berlino sta diventando un po’ come era Parigi a inizi Novecento.

A volte mi chiedo come mai la nostra generazione fa fatica ad andare a sentire un concerto di Musica Forte, di Musica d’Arte. E’ molto una questione di immagine: chi pensa ai concerti pensa a gente anziana, c’è una immagine della musica classica per un elite anche se per fortuna questa concezione sta scomparendo. Non può essere un caso che così tanti giovani, veramente tanti, vengono a sentire i concerti a Berlino. Vuol dire che c’è veramente una mentalità aperta qui, verso l’arte e verso l’arte contemporanea.

[ALESSANDRO] La musica Forte non può non essere apprezzata, se conosciuta!

[AVI] Quando siamo sul palco noi musicisti percepiamo il pubblico, come delle antenne: c’è qualcosa quasi di religioso nel sedere in una sala da concerto con altre tremila persone. Io – l’artista – e voi pubblico siamo uguali in questa esperienza, una esperienza bella e forte per entrambi.

[ALESSANDRO] La Musica rompe tutti i muri: è un linguaggio che raggiunge tutto il mondo, tutti i continenti, tutte le culture e tutti i popoli.

[AVI] Quando cade questo muro e nasce una cosa nuova, vi è la giusta apertura mentale su cui l’arte può crescere!

CREDITS
Alessandro Marangoni – direttore artistico
Stefano Sgarella – regia e riprese
Simonetta Bruzzone – sottotitoli

SPECIAL THANKS TO
Deutsche Grammophon

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>